Collaborazioni

Le idee che portano gli altri

Durante gli incontri di Leggimiprima ho avuto la fortuna di incontrare persone meravigliose, ricche di idee, entusiasmo, passione e curiosità.  Ad alcune ho chiesto di collaborare al progetto online di Leggimiprima perché ho visto in loro personalità, ideologie o conoscenze che sono certa vadano condivise. C’è chi ci parlerà di fumetti per bambini, chi ci insegnerà a disegnarli, chi proporrà esercizi di Yoga per piccoli, chi ci accompagnerà a spasso per la fattoria didattica e molto altro ancora.

Venite con me, sono felice di presentarvele.

Ho conosciuto Paola ai miei incontri in biblioteca e da subito ho potuto apprezzare la sua energia luminosa e il suo modo di porsi aperto e sorridente.  

La storia personale di paola è già di per sé un grande insegnamento -potete trovarla qui – infatti ho deciso di coinvolgerla in una collaborazione, perché sono certa che il suo intervento sia un valore aggiunto per far girare le idee, quelle belle, utili e arricchenti, che sono alla base dell’intenzione di Leggimiprima.
Il giovedì, ogni due settimane, Paola ci intratterrà con storie, racconti e molto altro ancora, il tutto accompagnato dai movimenti e dalle posizioni dello Yoga, che potrete riprodurre assieme ai vostri piccoli a casa o a scuola.
 
 Paola, la passione e l’amore per i bambini è innata oppure ci lasciamo conquistare da loro? E con lo yoga come funziona? E’ una fiamma che da sempre alberga in noi oppure è una passione che coltiviamo con il tempo?
 
“La mia risposta a queste domande è che i bambini mi sono sempre piaciuti fin da quando ero una bambina e che una fiammella dello yoga c’è sempre stata in me, ha solo avuto bisogno di essere alimentata con la pratica e la conoscenza.
Nella mia vita ho potuto combinare queste due passioni diventando prima mamma di tre figli, e proprio in questi giorni nonna di Ettore, e poi praticante yoga e insegnante di rebirthing.
Il passo successivo è stato quello di diventare insegnante yoga per bambini. Praticando lo yoga con loro ho potuto rendermi conto di quanto questa tecnica millenaria sia di grande validità e supporto, anche e soprattutto ai giorni nostri. Le conoscenze che ho acquisto negli anni le ho volute trasmettere ad altre persone.
E’ nato così il progetto Yoga in Fiore® per la formazione di nuovi insegnanti yoga per bambini (già un’ottantina le nuove insegnanti), un modo per divulgare e diffondere lo yoga tra i bambini e nelle scuole”.
Che l’avventura abbia inizio!
 

Elisa e io siamo colleghe in libreria da circa quindici anni e sono tante le avventure che ci hanno accomunate durante questa epoca. Una di queste è stata la nascita dei nostri figli, arrivati tutti quasi contemporaneamente, nemmeno ci fossimo accordate. E così, quando i nostri più grandi giocavano assieme, il suo Igor se ne stava tranquillo a creare e inventare, mentre la mia Anna lo tormentava, guadagnandosi il titolo di Anna-tiracapelli. Bene così.

Ho scelto Elisa per collaborare con Leggimiprima per almeno due motivi.

Il primo è che lei mi è sempre piaciuta. Spesso ho pensato che in realtà non esista, che sia un personaggio irresistibile venuto fuori da chissà libro o cartone animato: è unica, imprevedibile, spassosa, rock‘n roll e – lei non lo ammetterà mai – è un pozzo di sapienza, sa cose che lei nemmeno sa di sapere, e questo mi affascina assai.

Il secondo motivo è che Elisa in libreria è diventata un’icona per quel che riguarda il mondo di graphic novels e manga, ambito nel quale io mi perdo già solo a pensarlo. Elisa ha un modo talmente innamorato e coinvolgente di parlarne che starei ore ad ascoltarla.

Voglio tutta la sua smodata passione per fumetti e affini dentro Leggimiprima, perché questo ambito è fondamentale per avvicinare bambini, ragazzi e adulti alla lettura, anche e soprattutto quando ci si definisce dei non-lettori, e si pensa che le pagine siano sinonimo di tedio e noia.

Ebbene, parlate cinque minuti con Elisa ed entrerete in un mondo da cui, vostro malgrado, non saprete più come uscire.

Per le recensioni di Elisa clicca qui.

Ho conosciuto Sara a un incontro di Leggimiprima a Trieste e sono rimasta sbalordita dalla sua energia e predisposizione a unire le persone e creare gruppo.

Ho scelto di coinvolgerla perché è una mamma e una donna con fortissimi valori legati al mondo dell’ecologia e del saper stare insieme al mondo. Sono certa che le sue idee, che condividerà attraverso una rubrica bisettimanale del sabato, saranno spunti utilissimi per mettere in atto alcune scelte semplici per l’individuo, e al contempo dall’impatto fortissimo per il benessere dell’ambiente e degli umani che lo abitano.

 

Sara, quali sono i valori che desideri condividere con le tue bambine e col resto del mondo?

 

 

I VALORI e i principi che cerco di seguire e trasmettere sono:

 

  • l’AMORE incondizionato ed il RISPETTO verso se stessi, verso gli altri, verso LA NATURA e l’ambiente che ci circonda… la comprensione, l’accettazione del diverso e l’EMPATIA, la collaborazione guidata dal dialogo senza giudizio

  • l’importanza di perseguire le proprie PASSIONI e di considerare la SODDISFAZIONE PERSONALE come indice/”premio per un lavoro ben svolto”

  • la GRATITUDINE per ciò che abbiamo, cercando di non dare nulla per scontato

  • la forza del nostro PENSIERO e dell’atteggiamento che SCEGLIAMO di adottare in qualsiasi situazione

  • l’AUTENTICITA’ (find your own way) e la CURIOSITA’, chiedersi sempre il perché una cosa va fatta in un modo piuttoso che in un altro, quindi mettere in dubbio ogni cosa (dai modelli educativi ai comportamenti considerati “giusti” dalla società…); individuare i condizionamenti esterni e dare più importanza invece a ciò che ci detta il nostro ISTINTO ed il nostro cuore; essere consapevoli che la propria crescita interiore dipende da quanto osiamo uscire dalla propria COMFORT ZONE

  • l’AUTOSTIMA – essere connessi con le proprie potenzialità e capacità di reinventarsi, imparare ad ASCOLTARE i propri bisogni e dar importanza al proprio credo e al proprio pensiero

  • mantenere una buona DISCIPLINA- intesa come una “cosa” che nasce dentro di noi e che si sviluppa nel momento in cui abbiamo la possibilità di fare le cose a modo nostro e con la giusta motivazione interiore (basata appunto sulle proprie priorità e i propri principi)

Ho conosciuto Martina durante gli incontri di Leggimiprima e da quel momento siamo subito diventate amiche. Mi piace tantissimo la sua voglia di fare, creare e smuovere il mondo attraverso idee che spaziano in mille ambiti diversi e che si ritrovano tutte riunite, in un ultima analisi, nella voglia di vivere al 110%.

Martina proporrà ogni martedì quattro diverse rubriche una più interessante dell’altra: 

– animali kawaii e come disegnarli
– vloggando in fattoria
– chimicAmo
– arché: archeologia per tutti

Sono Martina ho 34 anni e due bambini: Costanza, una domatrice di pulcini di nove anni e Amerigo, un ninja di 7 anni. Sono un’educatrice in ambito culturale, quindi creo laboratori ed esperienze educative incentrate su archeologia, chimica, disegno, cinofilia. Perché queste scelte? Perché sono perito chimico e archeologo, e credo fortemente nella necessità di portare queste materie nel mondo dei bambini. Organizzo anche laboratori di disegno manga perché adoro il genere e questa tecnica mi permette di arrivare a tutti, anche a chi non si sente portato, ma vorrebbe provare una nuova esperienza. Sono attratta da molte cose: le camminate in montagna, la danza classica, la storia, il cosplay… e i dolci! Tutte queste passioni sono un mezzo per raggiungere un fine importante: il cuore dei bambini! Sono convinta infatti che per imparare ci si debba divertire e quale modo migliore se non quello di sperimentare praticamente?

Nel 2019 ho iniziato il corso di laurea in scienze dell’educazione per dare solide basi al mio metodo educativo e alle strategie di attuazione. Un altro ambito a me molto caro è quello delle fattorie didattiche: sono infatti operatore qualificato dal 2017, e dal 2018 la Fattoria Didattica La Risorgeva è la mia nuova grande avventura. In essa tutte le attività sono accomunate da un filo conduttore che permette lo scorrere delle settimane estive nel solco della continuità. Grazie alla fattoria possiamo attraversare catene montuose, solcare i mari e visitare il mondo, comodamente dal grande giardino dell’azienda agricola che ospita gli spazi didattici. E infine, proprio qui si attua la parte cinofila: l’Azienda Agricola Il Girasole alleva cani da compagnia da quasi cinquant’anni e questo ci permette di vivere a contatto con cani da cui imparare le buone norme dell’accudimento, attraverso un percorso di approccio consapevole al cane.

Insomma ho 1000 idee e da quando conosco Irene queste idee sono state amplificate nel modo più positivo che potessi desiderare.

Sono cresciuta in mezzo ai libri. Anzi, no: prima di nascere mi trovavo già in mezzo ai libri. Dentro la pancia della mia mamma bibliotecaria, nella biblioteca della mia città. Fin da piccola, i libri per me erano come la pasta dentro la credenza: un oggetto quotidiano immancabile, una certezza… e anche un ottimo cibo.

Nella mia crescita hanno assunto (e sommato) questi significati: gioco e divertimento (con un grande grazie a chi me li leggeva), abilità (quando ho cominciato a leggerli da sola), compagnia, conoscenza, strumento (per la scuola), fantasia, stupore, viaggio, memoria.

Dopo il liceo classico ho iniziato a frequentare Conservazione dei Beni Culturali, ben sapendo che mi sarebbe piaciuto lavorare nel settore dei libri. Nel Dicembre 2002, dopo aver frequentato uno dei miei primi convegni sulla letteratura per ragazzi, a Campi Bisenzio (FI) matura il mio sogno. Mi sarebbe piaciuto diventare preparata, professionale ed evocativa come l’animatrice che avevo visto in azione. Da allora la tensione verso quelle tre qualità è costante leggo, approfondisco, mi esercito.

Inizio il mio lavoro nella biblioteca Sezione Ragazzi di Udine nel 2003, a seguito del buon andamento del tirocinio previsto dall’ordinamento universitario. Mi laureo e continuo a lavorare: la responsabile della Sezione Ragazzi mi chiede di preparare un progetto di promozione della lettura per le classi delle scuole secondarie di primo grado della città. Nel 2004, partiamo con 5 classi pilota. (Nel 2017, le classi saranno oltre trenta e saremo – quasi – costretti a rinunciare ad alcuni interventi. Quasi. Infatti li portiamo avanti tutti). Sempre nel 2004, progetto la tesi Specialistica, continuo a lavorare, a studiare, mi sposo, mi laureo di nuovo nel 2009.

Alice nasce nel 2010 ed anche lei, come me, era già attorniata dai libri e storie prima ancora di nascere (nel 2015 arriverà anche Sara, e la storia si ripeterà…)

Nel 2010, guidata un po’ dalla contingenza e un po’ dalla vision a lungo raggio della responsabile della sezione ragazzi, si concretizza il progetto di Animalibro. Posso staccarmi dalla Sezione Ragazzi per proporre laboratori del libro e letture animate anche al di fuori. I miei genitori mi suggeriscono di creare un logo apposito.

E così continua la mia doppia, fortunatissima, vita di bibliotecaria E animatrice.

 

Con lo svolgimento assiduo delle animazioni e degli incontri con i ragazzi, i libro assume un ulteriore significato: diventa relazione. Relazione tra i libri stessi all’interno delle collezioni della biblioteca, relazione dei libri con gli utenti che li leggono (li amano oppure… no), relazioni tra utenti che leggono lo stesso autore.

Ed è in questo frangente che conosco Irene e il suo progetto.

Ed eccoci qui, pronte a sperimentare insieme alla sua squadra!